Che cosa è la Centrale dei Rischi

La Centrale dei Rischi è un sistema informativo, gestito dalla Banca Centrale della Repubblica di San Marino, nel quale confluiscono le informazioni sull’indebitamento della clientela trasmesse dalle banche, dalle società finanziarie e dai fondi comuni di investimento il cui attivo è composto in maggioranza da crediti.

La Centrale dei Rischi raccoglie e condivide con gli intermediari partecipanti le informazioni anagrafiche e quantitative sui finanziamenti concessi con soglia di censimento pari o superiore a euro 10.000, l’eventuale stato di insolvenza dei debitori per qualunque importo (cd. Sofferenze), le garanzie ricevute nonché ulteriori informazioni di dettaglio relative ai finanziamenti.

Chi può richiedere l'accesso ai dati

Per i dati delle persone fisiche:

  • le persone fisiche a nome delle quali sono state registrate le informazioni, oppure il loro tutore, curatore, o erede (compreso il chiamato all’eredità).

Per i dati delle persone non fisiche:

  • il legale rappresentante;
  • il curatore fallimentare o altro organo di procedura concorsuale cui compete la rappresentanza della società;
  • il soggetto munito di “procura generale” o “procura speciale” e il difensore legale munito di “procura alle liti”;
  • i sindaci o i revisori contabili;
  • i soci illimitatamente responsabili che possono conoscere i dati della società relativi al periodo in cui sono stati soci e a quello precedente al loro ingresso nella società.

Come richiedere l’accesso ai dati

Il modulo di richiesta può essere scaricato da questa pagina e l’interessato deve:

  • compilare il modulo e firmarlo;
  • allegare al modulo la fotocopia leggibile del proprio documento di identità in corso di validità.

La richiesta può essere inviata per posta a "Banca Centrale della Repubblica di San Marino, Via del Voltone 120, 47890 San Marino", oppure consegnata di persona o tramite un delegato.

La Banca Centrale invia i dati per posta oppure gli stessi possono essere ritirati allo sportello dal richiedente o da un delegato che porti con sé la delega e la fotocopia leggibile del documento di identità del delegante. La delega per il ritiro dei dati può essere scaricata da questa pagina.

Nei casi in cui i predetti moduli vengano consegnati da persona diversa dal soggetto richiedente o in caso di invio postale è richiesta l'autenticazione di firma da parte di un notaio iscritto all’Albo Professionale Avvocati e Notai della Repubblica di San Marino; qualora l’autentica di firma sia eseguita da un notaio non iscritto all’albo di San Marino, l’autentica deve essere legalizzata oppure munita di “Apostille” (per gli Stati che hanno aderito alla Convenzione dell’Aja del 5 ottobre 1961).

Nel caso venga allegata documentazione emessa da autorità sammarinesi o italiane sono ammessi documenti in originale o in copia conforme. Qualora siano allegati documenti emessi da altre autorità estere, si precisa che sono ritenuti validi i certificati o le attestazioni legalizzate rilasciati dalla competente autorità dello Stato estero, in lingua italiana, ovvero corredati di traduzione in lingua italiana a sua volta asseverata davanti a una competente autorità estera e legalizzata a sua volta.
I certificati hanno validità di sei mesi dalla data di emissione.

Informazioni utili

I dati personali della Centrale dei Rischi hanno carattere riservato. Gli intermediari partecipanti osservano l’obbligo di riservatezza nei confronti di qualsiasi persona estranea all’amministrazione dei rischi.

In conformità a quanto disposto dall’art. 50 della Legge n. 165/2005 (LISF) l’acquisizione dei dati da parte della Banca Centrale avviene in deroga alle disposizioni previste dalla Legge 23 maggio 1995 n. 70.

Gli intermediari segnalanti sono responsabili della correttezza delle segnalazioni inviate alla Centrale dei Rischi.
Gli intermediari sono tenuti a controllare le segnalazioni di rischio trasmesse alla BCSM e a rettificare di propria iniziativa le segnalazioni errate o incomplete riferite alla rilevazione corrente e a quelle pregresse.

Eventuali contestazioni o richieste di correzione dei dati raccolti nella Centrale dei Rischi devono quindi essere rivolte ai citati intermediari, che sono tenuti a cancellare e a correggere le segnalazioni errate nel più breve tempo possibile.



Accesso ai dati della Centrale dei Rischi