Emanazione Regolamento Miscellanea 2024

La Banca Centrale della Repubblica di San Marino rende noto di aver emanato in data 09/02/2024 il Regolamento n. 2024-01 “Miscellanea degli interventi mirati di revisione alle vigenti disposizioni di vigilanza, che entrerà in vigore il 13/02/2024.

Il provvedimento, adottato in esito alla procedura di pubblica consultazione, consta di 17 articoli, intervenendo capillarmente a modifica ed integrazione di 14 regolamenti/circolari, nonché sull’intera normativa di vigilanza attraverso disposizioni finali a carattere trasversale, come meglio descritto nel prospetto sotto indicato:

 

n. Art. Atto modificato Oggetto 
1 Circ.2022-01 Regime prudenziale della cartolarizzazione di sistema
2 Circ.2012-03 Obblighi informativi - prudenziale banche
3 Circ.2013-01 Obblighi informativi - prudenziale finanziarie
4 Circ.2017-04 Obblighi informativi - situazione contabile
5 Reg.2022-04 Cartolarizzazioni e servicer
6 Reg.2020-04 Servizi di pagamento e di emissione moneta elettronica
7 Reg.2015-01 Vigilanza informativa
8 Reg.2006-01 Registro soggetti autorizzati
9 Reg.2016-01 Fondo garanzia depositanti
10 Reg.2010-01 Trustee professionali
11 Reg.2014-01 Promozione finanziaria e offerta fuori sede
12 Reg.2008-01 Attività assicurativa – rami vita
13 Reg.2016-02 Bilancio d’impresa e consolidato
14 Circ.2017-03 Obblighi informativi bilancio
15 /// Norme finali
16 /// Entrata in vigore
17 /// Testi consolidati


In esito alla procedura di consultazione , il provvedimento si arricchisce dei seguenti principali contenuti: 

  1. chiarimenti in ordine:
    - all’esclusione delle “ABS di sistema” dalla computabilità ai fini prudenziali della concentrazione dei rischi;
    - al fattore di ponderazione delle “ABS da autocartolarizzazione” (applicabile sulla base del grado di rischio trattenuto quando detenute solo parzialmente) e al loro assorbimento patrimoniale complessivo (equivalente a quello delle esposizioni creditizie autocartolarizzate, eventualmente ridotto proporzionalmente in caso di cessione a terzi); 
  2. integrazione nel “Regolamento Servicer” di un essenziale framework normativo sui loro obblighi informativi di vigilanza;
  3. tipizzazione della categoria di “enti qualificati” per l’accreditamento delle iniziative formative, finalizzate all’iscrizione all’Albo dei Trustee professionali e/o all’assolvimento degli obblighi di aggiornamento annuale per gli iscritti, e per le conseguenti attività certificative verso la Vigilanza e verso i partecipanti;
  4. affinamento della definizione di “sofferenza” per escludere la “nuova finanza” concessa in regime di prededuzione a organi di procedura concorsuale qualora sia ragionevolmente certo l’intero recupero del credito;
  5. inserimento di una specifica regolamentazione bilancistica in tema di “write-off” (cancellazioni o stralci) di crediti, consentita anche nei casi in cui non vi sia stata rinuncia, sul piano legale, al recupero del credito stesso, purché trattasi di cancellazione totale, o, se parziale, di cancellazione di credito già appostato a sofferenza o, se non a sofferenza, il cui vintage della classificazione a esposizione creditizia deteriorata sia almeno pari a 10 anni ed il rapporto tra il valore netto e il valore lordo a bilancio del credito sia sceso al di sotto del 25%.